Vanity girl

Vanity Fair è una delle mie riviste preferite, da tempi non sospetti. L'ultima volta che ve ne ho parlato  vi ho proposto un serio dibattito su Biagio Antonacci desnudo, mi pare.
Be', ieri su Vanity Fair è comparso un bell'articolo di Chiara Cecilia Santamaria (aka Wonderland), in cui si parla del portale Oltreilcancro.it, della blogterapia, e di tre persone straordinarie, Anna, Anna Lisa e Giorgia.

Che dire, quando l'ho saputo l'emozione è stata fortissima, ho inizato a messaggiare tutti, volevo gridarlo al mondo intero…Poi mi sono ricomposta, anche perchè ero al lavoro, in un contesto che richiedeva un minimo di professionalità, cribbio.
Alla fine ho potuto leggere l'articolo per bene solo in tarda serata. Ero sola a casa, con le bimbe già a letto, e mi sono concessa un momento di libera commozione.
Mi ha fatto molto bene, tanto che dopo mi è sembrato di riprendere la forza che in questi giorni mi è un po' mancata.
Per spiegarmi meglio, in un primo momento è come se avessi letto l'intervista alle mie amiche cancer blogger con occhi esterni, quelli della mamma trafelata che ero un tempo, ancora anni luce lontana dal soprendente universo del cancro. Con quegli occhi ho letto parole commoventi, ma anche normali, confortanti, vere.
Poi, siccome in realtà non sono più la ragazza di quattro anni fa, ho riconosciuto nel virgolettato la voce delle mie compagne di merende. Ed è per questo che ho pianto: non per la normale e giustissima commozione che si prova di fronte a questi argomenti, ma per l'affetto sincero che sento per le mie amiche blogger, la contentezza di vedere le loro belle facce nel mio giornale preferito, e infine l'orgoglio smisurato di fare parte anch'io di questo progetto.

Sono davvero grandi soddisfazioni, queste.
Momenti in cui capisci che anche se vuoi andare "oltre" e stare bene, non cambieresti mai la tua vita con quella di nessun altro, neanche della te stessa che avresti potuto essere, e che ti guarda commossa dall'altra parte del tuo giornale preferito.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dal vecchio blog e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a Vanity girl

  1. sullepunte ha detto:

    te sei una forza della natura. per quello che riesci a dire, a sentire.

  2. utente anonimo ha detto:

    che soddisfazione e che gioia!
    avete tutta la mia totale ammirazione!
    Ti abbraccio forte,
    Pisi

  3. fiordicactus ha detto:

    Oggi o domani lo comprerò anch'io . . . e lo leggerò pensando a tutte voi!

    Ciao, R

  4. ziacris ha detto:

    Debbo rileggerlo con calma e metabolizzarlo, poi commento

  5. camden ha detto:

    Anche io ho provato a leggerlo con calma, come se non facessi parte del mondo "cancro" e come te per prima ho avuto una sensazione di  grande ammirazione per queste 3 donne. Poi ho realizzato che le conosco, che abbiamo costruito tutte insieme un bel rapporto, in aggiunta ad Oltreilcancro.it, e mi è venuta una voglia stratosferica di vedervi tutte!!!!!!!!!!!!!!!!!

  6. utente anonimo ha detto:

    Julia, cara, hai scritto un post meraviglioso! Sono contenta, davvero tanto contenta per come Chiara è riuscita a realizzare questo articolo. Ovviamente sarebbe stato bello esserci tutte (e tutti, con il nostro Marco ) ma è già un miracolo lo spazio che ci è stato dato e la quantità di persone che adesso sanno che si può affrontare e andare Oltre il cancro anche scrivendo un blog. Smack
    Giorgia 

  7. juliaset ha detto:

    @sullepunte, Pisi, fiordicactus: :-*

    @ziacris. sono curiosa…

    @camden: anch'io ho tanta voglia di vedervi, anche perché l'ultima volta non c'ero!

    @Giorgia: be', collettivamente c'eravamo tutti, e per me va benissimo così, io non sono molto disinvolta con queste cose, lo sai… Piuttosto, sono rimasta colpita da alcuni commenti sul blog di wonderland, che io frequento in incognito sempre da tempi non sospetti…Molte commentatrici hanno risposto sinceramente che non erano sicure di riuscire a leggere l'articolo, proprio per l'argomento trattato…Dopo anni di frequentazione dei nostri blog mi sono accorta che non è poi così scontato che qualcuno si fermi non solo a commentarci, ma anche a leggerci…e mi è sembrato proprio strano! Alla fine il cancro è ancora un bel tabù, c'è poco da dire.

  8. fiordicactus ha detto:

    Però, una correzione gliela dovete far fare . . . all'inizio dell'articolo, parla dei blog d'oltre Oceano che  sono diventati libri . . . e quello di Julia??? Non ne parla! Informatela!

    Salutoni! R

  9. juliaset ha detto:

    Ora scrivo all'ufficio accuratezza!;-)

  10. innoallavita ha detto:

    Bello bello, facciamo proprio delle belle cose…

  11. latendarossa ha detto:

    E' obiettivamente una bella soddisfazione: vi faccio anch'io i complimenti. Insomma premia i vostri sforzi, la vostra tenacia. E mai vergognarsi dell'emozione. E' una cosa bella, umana, molto dolce 🙂

  12. bigsoul ha detto:

    non ho sentito, non ho letto…
    ma credo di capire cosa tu intenda dire.
    non ne ho molte di cancer blogger, a dire il vero sono tornata sul blog da oggi, dopo un periodo da "incubatrice" ed è difficile così poterne avere.
    ma mi manca parlarne… chà anche se sto bene, molto bene, oserei dire guarita, mi sento di non voler/dover perdere ciò che ho vissuto… e poche persone che possono capire…

  13. juliaset ha detto:

    @bigsoul: mi ricordo molto bene di te e del tuo "Johnny"…Ero rimasta colpita dalla tua storia, e anche dal tuo modo di scriverla. Spero che la tua blog-terapia riprenda, non solo per te, ma per tutti noi…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...