La bambina venuta dal freddo

Qui nella Terra dei Motori nevica in maniera insistente: è dunque questo il significato recondito della metafora “colpo di coda dell’inverno”? No, perché io di fronte a questa pazza neve di marzo inizio ad essere poco tollerante, e dico in generale.
E pensare che sei anni fa la neve cadeva esattamente allo stesso modo, mentre io contavo gli ultimi giorni della mia seconda gravidanza, chiedendomi in quanto tempo sarei stata in grado di raggiungere l’ospedale, nel caso in cui la nascitura avesse appunto fretta di nascere (cosa che poi si è verificata, tra parentesi). 
Siccome vi ho già raccontato la storia del mio parto precipitoso, oggi vi dico solo che sto aspettando il prossimo compleanno della Principessa Piccola in uno stato emotivo un po’ alterato. È come se dovessi rimetterla di nuovo al mondo: mi chiedo come sarà la bimba che stringerò tra le braccia d’ora in poi, che volto avrà, che tipo di carattere dimostrerà, eccetera. La mia piccolina cresce talmente in fretta che a volte mi impongo di tenere bene in mente che è ancora nella prima infanzia, ed ha tanto bisogno di rassicurazioni, abitudini, certezze. Per il resto, sembra già grande: ha la taglia e l’altezza di una bimba di otto anni, si esprime con una dialettica e un rigore logico che farebbero invidia a più di un parlamentare, ha fretta e voglia di imparare, dimostra gusti molto definiti (e un po’ sofisticati, diciamolo) in fatto di abbigliamento, letture, alimentazione. Eppure, ancora per qualche giorno, la mia piccola Principessa ha solo cinque anni.
Chissà se crescendo scivolerà via dai miei abbracci, diretta verso l’indipendenza e la scoperta di sé, come sta già facendo sua sorella. A volte la vorrei sempre piccola, sempre così infinitamente dolce, come una bambola a grandezza naturale (e anche un po’ oltre). Invece lei cresce come un fungo, e come regalo di compleanno questa volta non ha più chiesto giocattoli, ma dei vestiti che fossero solo suoi.
Ecco, si fa presto, finché sono nella pancia, a fare considerazioni filosofiche su come li cresceremo, a stilare la lista dei nostri preziosissimi insegnamenti di vita, a stabilire sulla carta il modo con il quale noi, geni della pedagogia applicata, saremo capaci di trattarli “da persone” fin dal primo istante. È una passeggiata citare Gibran e proclamare che al momento giusto li lasceremo volare lontano come frecce, perché noi siamo solo semplici archi. È facile, perché mentre ci immaginiamo genitori, continuiamo a ragionare da figli, senza comprendere che la nostra musica interiore cambierà profondamente a partire dal primo vagito delle nostre creature (Gianna Nannini docet). Altra cosa è quando li stringi tra le braccia, e li scopri assolutamente alieni e comunque perfettamente tuoi, più di quanto tu non sia mai stato per te stesso. Allora sì che è difficile lasciarli andare, altro che arco, e soprattutto, ma quale freccia e freccia!
Quindi la Principessa Piccola è ancora mia, non si discute, anche se forse solo per poco tempo. E spero che la mia bimba venuta dal freddo sia così dolce e generosa da lasciarmi vivere a lungo questa illusione, perché anche le mamme che leggono Gibran hanno pur sempre le loro fragilità.

 snowflake
Foto: Flickr

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dal vecchio blog e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a La bambina venuta dal freddo

  1. ziacris ha detto:

    non so come, ma queste bambine crescono in fretta, troppo in fretta, sono sempre un passo avanti a noi, non facciamo in tempo ad adattarci ad una situazione, che loro sono già più avanti e noi sempre lì a rincorrerle, sempre in affano, vedendo scivolarci fra le dita il tempo, la loro infanzia, ti svegli ad un certo punto e te le ritrovi adulte, adolescenti.
    io faccio tutt'ora fatica a considerare mia figlia una donna adulta, per me è sempre quella piccolina delle foto con i fiori alle spalle

  2. fiordicactus ha detto:

    Interessanti queste tue considerazioni su archi e frecce . . . è proprio vero che una cosa è la teoria e l'altra è la pratica (Gibran, d'altra parte era un uomo, loro sono meglio come arco)  . . .

    Io oggi dalla "freccia più grande" mi sono sentita dare della "mamma rincoglionita" e "nonna deficiente" solo perchè mi divertivo col PiccoloLord . . . e il bis nonno  in veste di nonno (suo della Freccia traditrice! ), gongolava e diceva: "io, mai fatto così, vero??? Io sono stato un bravo nonno! Mai rimbambito!"  

    Anche quaggiù, con la nostra piccola alluvione e 2 gradi al mattino presto . . . siamo stufi del tempo . . . un po' di caldo non ci dispiacerebbe . . . ma a chi rivolgersi???

    Ciao, R

     

  3. innoallavita ha detto:

    Bel post, e mi riconosco in quello che scrivi: gli anni volano, loro crescono e in un battito di ciglia sono là che camminano spavalde sul sentiero della vita, ma noi le illumineremo sempre…

  4. sullepunte ha detto:

    non vi conoscete affatto e non vi somigliate per nulla. eppure, queste tue parole, le leggevo sentendo la voce di mia madre.
    penso che tutt'ora le costi, quanto riesco a lanciarmi lontano, che lei si curvi o meno.

  5. utente anonimo ha detto:

    Che bello e che dolce questo post!
    C'è dentro tutto l'amore che provi per la Principessa Piccola…
    Io non sono ancora madre, ma da figlia ti dico di non temere perchè lei crescerà anche in fretta, ma il legame tra madre e figlia è eterno e indissolubile, nel bene e purtoppo a volte anche nel male!
    Un abbraccio e auguri alla tua piccola principessa, anche se con un po' di anticipo!
    Pisi

  6. utente anonimo ha detto:

    Bellissimo post …. come sempre!!
    Le tue principesse sono mitiche, sono onorata di avere avuto il piacere di conoscere la vera Famiglia Reale al gran completo!!
    Bacioni… nella speranza di rivederci presto!
    Brilloperte

  7. widepeak ha detto:

    e pure le loro amiche commentatrici…

  8. RominaFan ha detto:

    Ma quanto sei dolce!
    Sai, mia sorella sta per avere il terzo bimbo, nascerà a giorni, anche lui verrà dal freddo come la tua Principessa.
    Vorrei che mia sorella leggesse quanto hai scritto perchè sono sicura che lo adorerebbe…lo trovo meraviglioso, mi sono emozionata e non sono neanche ancora madre…

  9. utente anonimo ha detto:

    ti leggo spessissimo ma non ho mai commentato…
    oggi vorrei solo dirti che…non sono ancora mamma, ma sto diventando una figlia piu' attenta, perchè, dopo un improvviso malore del mio papa',(anzi del mio babbo!!!), ho capito che veramente "del doman nn v'è certezza"….pero'…ecco..io semplicemente questo post l'ho adorato!!!

    un abbraccio,
    irenA

  10. juliaset ha detto:

    @ziacris: è così, e se poi pensi che una parte di me invece ha sempre fretta di vederle crescere, capisci quanto posso sentirmi schizzata in certi momenti!

    @fiordicactus: i nonni sono un discorso a parte…io e il marito siamo basiti di fronte agli innumerevoli vizi che i nostri genitori concederebbero alle principesse, se fosse per loro!

    @innoallavita: io un pochino temo la preadolescenza…lì non so se si sentiranno sempre "illuminate"!

    @sullepunte: probabile. E l'ironia è che sono stata anch'io una figlia molto autonoma, ansiosa di sganciarsi presto emotivamente e materialmente dalla propria madre…Un bacione!

    @Pisi: grazie! Sai, in questi giorni ho coccolato ancora di più la mia piccina perché si è fatta male all'oratorio, ha avuto un trauma cranico, per fortuna non grave…Ora ha la faccia tutta blu per l'ematoma, e dal momento che ci tiene molto al suo aspetto so che ne soffre parecchio, anche se è bravissima, non si lamenta mai! Sta diventando davvero grande…

    @Brilloperte: sai che me l'ha chiesto anche la piccola? Mi ha detto che appena le vanno via i lividi dalla faccia (vedi altri commenti) vuole rivedere le bimbe…

    @widepeak: immagino…:-*

    @RominaFan: ma sai che stanno per nascere tantissimi bimbi di mia (futura) conoscenza? Marzo è un mese prolifico, oltre che pazzo! Un bacione a te alla tua famigliola!

    @irenA: grazie mille! Come forse sai sono sempre felicissima quando un lettore silenzioso esce allo scoperto, è una delle gioie della blogterapia…E dal momento che la piccola in questi giorni si è fatta male (ed ha bisogno di ancora più coccole) mi sento ancora più convinta di quello che ho scritto in questo post, e mi fa piacere che sia stato apprezzato.

  11. agrimonia ha detto:

    Ecco a parte il fatto che in questo periodo una freccia la scaglierei proprio in mezzo alla fronte di Prince….per il resto mi trovi in sintonia con te, sui buoni propositi e sull'età che traccia una linea definita sulla loro crescita.

  12. utente anonimo ha detto:

    sono partita dalla calda padania e sono arrivata a forli che c'erano mezzo metro di neve!!!! e io avevo le scarpe con i tacchi nn riuscivo nemmeno ad arrivare dentro all'albergo ahahah
    x quanto riguarda la figlia, facevo anche io gli stessi pensieri….
    emily sloggata

  13. latendarossa ha detto:

    Che bei pensieri Johanna. C'è tutta la dolcezza di una mamma che è stata figlia e che sa che ad un certo punto le cose cambieranno, la sua principessa non sarà più bambina, diventerà raagzza, poi donna. E' un'idea al tempo stesso dolce e un po' triste, gli anni passano e scorrono come la neve di questi giorni 🙂

  14. juliaset ha detto:

    @agrimonia: vedo che è un pensiero comune, questo un po' mi consola…

    @emily: eheheh, ti comunico che ora fanno anche i moon boot con i tacchi, si sa mai che venga davvero una glaciazione!

    @latendarossa: :-))

  15. MissMaj2010 ha detto:

    Il saggio Gibran lo leggo anch'io, e anch'io ho pensato "altro che arco e frecce", le mie figlie sono MIE e che non mi venga a rompere le scatole!! Hanno i loro caratteri e avranno la loro vita, ma sono mie, legate a me per sempre, anche quando sembrerà che siano lontane per generazione, per gusti, per inclinazioni, com'è giusto che sia.
    I nati di Marzo sono spettacolari!! ( uhm… certo, sono di Marzo anch'io!!) :-))

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...