Questioni di cuore

Questioni di cuore è la storia Alberto, uno sceneggiatore di successo ancora in cerca del filo conduttore della sua esistenza, e Angelo, un meccanico, o meglio un carrozziere di auto d'epoca, molto impegnato ad accumulare una piccola fortuna, oltre che sinceramente legato alla sua famiglia.
Questo film, che ho visto in DVD durante le vacanze di Natale, mi ritorna spesso in mente, soprattutto adesso che sono decisamente ritornata al mio ritmo di sempre.
Si tratta di una storia di amicizia maschile, delineata in maniera sincera e commovente, ma è anche e soprattutto una storia di amicizia nata a margine di una malattia. Il cuore del titolo infatti è proprio l'organo che batte nel petto dei protagonisti, quel cuore che ci ricorda il motore della nostra macchina, ma anche la rappresentazione fisica della nostra storia personale, e che crea un sacco di guai seri quando inizia a tradirci. Alberto ed Angelo, diversissimi, si incontrano e si conoscono per caso, perché sono vicini di letto in ospedale. Parlando durante la degenza creano un legame che potrei definire esistenziale, anche se a tratti è soprattutto scanzonato, e che va al di là di ogni genere di differenza sociale, culturale e generazionale. Io ho vissuto un'esperienza molto simile (anche se tutta al femminile), e vi posso confermare che questo film racconta in modo delicato una grande verità.
In più possiamo dire che Antonio Albanese è eccezionale nel ruolo di Alberto, a cui dona un carattere tragicomico e soprattutto il peso dell'intelligenza; e che Kim Rossi Stuart non è da meno, perché regala al suo meccanico sfortunato un'ironia sorprendente, oltre che la bellezza struggente dell'angelo caduto.
E con questo ho detto tutto, guardatelo.

 

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dal vecchio blog e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Questioni di cuore

  1. fiordicactus ha detto:

    Sì, penso che – più per quello che scrivi tu che per il trailer – lo guarderò!

    Passa da me, che prima o poi metto anch'io un film consiglio!

    Ciao,  R

  2. Rogluk1 ha detto:

    L'ho visto è fantastico, bravissimi tutti e due.

  3. Ary72 ha detto:

    Anche io l'ho visto, davvero bello!

  4. pensataaddosso ha detto:

    L'ho visto!!! è davvero un bel film e poi io ammiro molto Albanese per la sua comicità "amara"… dice battute che sembrerebbero da "cine panettone"  "cosa farò se sarò eletto?… 'na beata minchi@!!!"  ma in realtà tocca temi molto profondi e importanti. E' un "comico" che mi fa morire dalle risate ma molto spesso mi commuove.

  5. camden ha detto:

    Sai che non lo conoscevo, mi era sfuggito. Prendo nota, è da vedere di sicuro! Un po' come UNO SU DUE con Fabio Volo.

  6. juliaset ha detto:

    @fiordicactus: sai che il trailer mi aveva ingannato un po'? Ora che ci penso, non rende affatto, o meglio rende solo dopo che si è visto il film. Secondo me è il tuo genere, fammi sapere se ti piace.

    @Rogluk1, Ary, pensataaddosso: mi fa piacere che sia stato anche di vostro gusto!:-))

    @camden: che a me manca…prendo nota anch'io!

  7. emilystar ha detto:

    l'avevo visto tempo fa xkè era passato x sky e nn ero ancora ammalata. credo che se lo rivedessi adesso sarebbe diverso….

  8. delphine56 ha detto:

    Proprio carino, l'ho visto un pò di tempo fa con piacere

  9. widepeak ha detto:

    è piaciuto moltissimo anche a me. per tantissimi motivi alcuni meno evidenti di altri. per fortuna, però, che l'ho visto da sola, Obi non avrebbe retto…c'è uno sguardo che si scambiano Alberto e Angelo in riva al lago in cui finalmente Alberto capisce, che è una delle cose più profonde e vere e sentite che abbia mai incontrato al cinema. da brivido

  10. SissiToGo ha detto:

    cara,
    l'avevo visto anch'io, e non proprio dal tuo punto di vista 🙂

    http://linfomania.splinder.com/post/23008827/questioni-di-cuore-e-non-solo

  11. juliaset ha detto:

    @emilysta: credo che tu abbia ragione, fa un effetto diverso "prima" e "dopo"…

    @delphine56: :-))

    @widepeak: sì, da brivido…

    @SissiToGo: mi ricordavo del contenuto della tua recensione (che condivido in gran parte), ma chissà perchè lo avevo associato a un altro film. A me ha colpito soprattutto per il discorso dell'amicizia a margine della malattia, forse perchè ci sono pochissimi film che trattano così bene questo argomento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...