Anch'io con il Nastrorosa!

Sono tre anni che da queste parti si parla di tumore al seno, prevenzione primaria, diagnosi precoce e solidarietà, anche se alla mia personalissima maniera.
Quest'anno, in occasione dell'Ottobre Rosa, vi voglio lasciare anche un messaggio più "istituzionale", parlando anche qui della campagna di sensibilizzazione voluta dalla LILT:
"La Campagna Nastro Rosa, ideata nel 1989 negli Stati Uniti da Evelyn Lauder e promossa in tutto il mondo, ha come obiettivo quello di sensibilizzare un numero sempre più ampio di donne sull’importanza vitale della prevenzione e della diagnosi precoce dei tumori della mammella, informando il pubblico femminile anche sugli stili di vita correttamente sani da adottare e sui controlli diagnostici da effettuare.

In tutto il mondo occidentale, il tumore al seno è il primo tumore femminile per numero di casi e la sua incidenza è in costante aumento, tanto da essere considerato alla stregua di una vera e propria malattia sociale. In Italia si calcola che nel 2010 i nuovi casi di tumore alla mammella saliranno a circa 42mila. Sconfiggere la malattia è possibile nella stragrande maggioranza dei casi, grazie soprattutto alla prevenzione e all’anticipazione diagnostica."

Aggiungo una nota personale: trovo che oggi sia molto importante diffondere la cultura della prevenzione anche tra le donne giovani, che spesso pensano di non poter essere colpite da questa malattia semplicemente perché non presentano casi di tumore al seno in famiglia o non rientrano ancora nella fascia d'età coperta dalle campagne di screening mammografico. La mia esperienza, e purtroppo anche quella di molte altre donne, dice esattamente il contrario. Il mio invito quindi oggi è rivolto in particolare a tutte le "ragazze" che passano di qua: dimostrate di amare ancora di più il vostro corpo imparando fin da giovani a conoscere tutti i piccoli e grandi gesti di prevenzione che possono salvarvi la vita.

Queste sono le regole di prevenzione suggerite dalla LILT alle donne di età inferiore a 40 anni:
"Per le giovani donne sono sufficienti la corretta informazione, l’insegnamento dell’autoesame (autopalpazione), la visita senologica e l’esame ecografico (a cadenza biennale dai 30 anni) senza ulteriori indagini strumentali preventive, salvo che non si tratti di donne a rischio, che devono in tal caso rivolgersi allo specialista per personalizzare il proprio programma di sorveglianza diagnostica. Per le donne inoltre che intendano programmare la prima gravidanza oltre i 35 anni è  consigliabile eseguire prima una mammografia, integrata da un’ecografia mammaria.
Le giovani donne “sintomatiche” devono rivolgersi al senologo per la visita clinica e per gli ulteriori approfondimenti diagnostico-strumentali.
"

E per concludere…in bellezza, riprendo ancora una volta le parole della Campagna Nastrorosa:
"Per ogni donna la prevenzione deve essere sinonimo di promozione del proprio benessere, della propria salute, ma anche della propria bellezza"

Buon Ottobre Rosa a tutte!

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dal vecchio blog e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Anch'io con il Nastrorosa!

  1. unmaredisorrisi ha detto:

    Brava di queste cose bisogna sempre parlarne….

  2. utente anonimo ha detto:

    Bel post,anche se non capisco la discordanza fra il contenuto del testo, in cui si parla di tumore, e ciò che c'è scritto nell'immagine,dove si parla di cancro.

  3. juliaset ha detto:

    @unmredisorrisi: già già…

    @anonimo: innanzi tutto grazie per il passaggio e per i complimenti. Non ti so spiegare il motivo della discordanza tra i termini utilizzati nella campagna della Lilt (dove si parla sempre di tumore al seno) e quelli messi nel banner…Nella pratica, anche se non sarebbe corretto, quando si parla di prevenzione del tumore al seno è sottinteso che si faccia riferimento alle diverse forme di tumore maligno. Non mi voglio dilungare su questo argomento perché non penso di avere le competenze necessarie, però posso riportare la mia esperienza: io ho avuto sia un tumore benigno (un fibroadenoma), diagnosticato quando ero molto giovane, sia un tumore maligno (un carcinoma duttale), diagnosticato tre anni fa. I due tumori non sono collegati tra di loro, ma il fatto che conoscessi bene il mio seno e facessi ecografie regolari mi ha senz'altro aiutata nel 2007 a fare una diagnosi precoce.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...