Family life

Il piccolino è all’ospedale. Ittero, niente di che. In famiglia al quinto bebè  non ci si squassa più per queste cose, ma rimangono tutti gli effetti collaterali della questione: riorganizzazione degli orari e degli spostamenti, stanchezza dei genitori (soprattutto della neomamma, che ha compiuto gli anni e non ha neanche festeggiato), nervosismo dei bimbi grandi, e così via.
E poi succedono cose strane, che non mi sforzo troppo di definire.
Per esempio mia figlia che dall’alto della sua esperienza consola la cuginetta, dicendole: "La mamma tornerà presto dall’ospedale, vedrai".
Oppure la mia nipotina piccola che non vuole entrare in piscina, e rimane avvinghiata a me come un koala con la cuffia arancione, lei che normalmente non mi dà un bacio neanche se cerco di corromperla con gli stikers di Hello Kitty (merce pregiatissima per le bambine, per chi non lo sapesse).
E ancora un pranzo allegro insieme a tutte e quattro le principesse: rotelle al ragù e prosciutto cotto, menù da vero gourmet della prima infanzia.
E in tutto questo pensare all’improvviso come sarebbe avere un altro bimbo in casa, però mio.
E poi rimuovere istantaneamente il pensiero di fronte allo spettacolo delle quattro pesti che saltano incontrollate sul lettone (e anche in base a qualche altra trascurabile preoccupazione volante, tra parentesi).
Infine pensare che la vita va avanti, ed è tutto bello e tutto molto normale.Togliere le macchie di ragù dal pavimento del salotto (in cucina non ci si stava), rovesciare il caffè e pulire anche quello.
Sentirsi bene, leggera, semplice, piena di idee chiare, anche se solo per un secondo.
Ridere di una piccola paturnia, rimuovere un pensiero molesto, e poi cancellare ancora l’ultima macchia.
Tante cose, tutte nello spazio di pochissimo tempo.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dal vecchio blog e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Family life

  1. affabile ha detto:

    Ipotesi interessante la tua…(era uno dei miei desideri che non si avvererà) cosa ne pensa il principe…aspettiamo i fatidici 5 anni e se ne riparla…?

  2. AdamsRib ha detto:

    Auguri al piccolo, presto sarà di nuovo tra voi e potrete spupazzarvelo per benino!
    Mi piace questo post che esprime semplice serenità. Sono tutti attimi da cogliere al volo, per  trasformarli in una bella scorta

  3. juliaset ha detto:

    @affabile: tecnicamente tra due anni potrei provare, però non me la sento, lo ammetto (e poi invecchio anch’io…). E fino all’altro giorno non lo avevo neanche mai desiderato, neppure per un secondo. Il principe…cambiamo argomento!;-)

    @AdamsRib: una piccola provvista!:-))

  4. diggiu ha detto:

    Il tuo post ha un titolo che sintetizza meravigliosamente quello che hai descritto.
    I piccoli grandi attimi di una giornata in compagnia con quattro piccole pesti, che se da un lato ti danno da fare dall’altro ti alleggeriscono i pensieri.
    Auguri al piccoletto, ancheil mio ha avuto quel problemino per circa una settimana dopo la nascita, solo che allora, aspettavanola risoluzione dell’ittero prima di mandare a casa la mamma!
    Un abbraccione a tutti.
    diggiu

  5. mammaoggilavora ha detto:

    mi spiace per l’ittero del piccolo nuovo arrivato, non e’ serio ma son tensioni che guastano il bellissimo evento…
    anche io ho piu’ volte accarezzato simili idee, sovente anch’io quando altre faccine fanno capolino attorno al desco… difficile conciliare tutto. Ma non impossibile. Vedrem…

  6. PieroPa ha detto:

    Che dire se non che sei davvero una gran mamma (anche per le due extra…)?
    Ciao e buona domenica (alche al pargolettino).

  7. aleike ha detto:

    Immagino quanto sia faticoso, seppur bellissimo, stare dietro ai figli piccoli…pero’…che dire?il quadro che hai tracciato tu e’ cosi’ vitale, quelle rotelle al ragu’, quella bambina che conforta la cuginetta, la nipotina avvinghiata…il piccolino nuovo che e’ arrivato. Insomma, e’ fatica si’, ma anche meravigliosa vita.:o)
    PS Ma questa nipotina che nega i baci alla zia?fa la gradassa??ah ah ah!l’adoro!:o))

  8. fiordicactus ha detto:

    Quant’è antipatico l’ittero del giornod’oggi, quando è nato mio figlio, e aveva la faccia color mattone, mi hanno mandato a casa dicendomi "lo tenga al sole più che può!" (si era a fine aprile), adesso, il PiccoloLord con la faccia apena appena giallina, nido in pediatria, questo tuo, m’immagino lo choc di doverlo ricoverare di nuovo! Uffa!!!

    Tutte belle le cose che raconti di una giornata con le 4 pesti . . . solo che il pensiero di 4 bambine 4, che fanno "bi di bo di bù" sul lettone, mi ha fatto rizzare i capelli in testa . . . quella dei salti sul lettone per me è un incubo!

    Auguri e un bacione alla neo mamma!

    Bacioni e abbraccia alla neo zia!

    Ciao, R

  9. widepeak ha detto:

    anche lilla ha avuto l’ittero…le prime 3 settimane che fatica avanti e indietro dall’ospedale…lo stesso ospedale di oggi. che felicità in quei giorni a ripensarci, quella nanetta dalla faccetta arancione che amavo così tanto, che amo così tanto. bellissimo post. un bacio a tutti i principini e le principessine della casa!

  10. ziacris ha detto:

    E’ un bel pensiero, significa che in quel momento tu pensavi alla tua vita futura, tanto lunga e pseniserata. Quei pensieri lì fanno bene, anche se poi li riponi in un  cassetto e li lasci decantare, non li prendi in considerazione, non li vuoi prendere in considerazioni, sono pensieri lungimiranti e pesanti, pesanti fisicamente e mentalmente, li accantoni e ti accontenti del pargolino nipotino.
    Poi sii anche un po’ egoista, i bambini sono belli, ma a casa degli altri lo sono ancora di più. Stai cominciando a stare bene, le piccole stanno crescendo state cominciando a respirare di nuovo e tu vorresti ricominciare id nuovo da capo? Ma tu sei fuori di melone

  11. juliaset ha detto:

    @diggiu: ora tendono a risparmiare un posto letto, o almeno ci provano…

    @mammaoggilavora: mi è già passata, giuro!;-)

    @Piero: è già lunedì…:-(

    @aleike: la mia nipotina piccola è una tosta, però sotto sotto un po’ di coccole non le dispiacciono!:-))

    @fiordicactus: io ho il terrore dei salti sul lettone, anche perchè il mio è in ferro battuto…sì, sulla loro testa, in genere!:-D Un baciotto anche al tuo Piccolo Lord.

    @widepaek: son bei ricordi. Così mi sono riconciliata un po’ con l’ospedale, è bello fare un giretto al nido e sentire tutti quei pigolii…

    @ziacris: ahahah, tranquilla, è stato solo un attimo, un pensiero piacevole e niente più!

  12. delphine56 ha detto:

    Già la vita va avanti… ed è una gran bella cosa ^_^
    Come sono semplici e belle le cose che vivi e che ci racconti.
    Auguri a tutti voi.

  13. Notforever ha detto:

    le rotelle…sei il mio mito, sappilo!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...