Di madre in figlie

Per combattere tristezze, paturnie, caldo afoso e nostalgia delle vacanze ieri pomeriggio ho portato le principesse dal parrucchiere. Sarebbe stato senz’altro più saggio pensarci prima del mare, così mi sarei risparmiata ore e ore di districamento nodi ed asciugatura, ma quel che è fatto è fatto. In sintesi, la principessa grande, dopo aver consultato qualche rivista del settore, ha optato per un pratico caschetto ad altezza spalle. Poi, sgranando gli occhioni blu in maniera assolutamente irresistibile, ha chiesto a Luca (l’ormai noto parrucchiere delle dive di Modena Ovest) di farglieli anche “liscissimi”, e così è stato, anche se la piega non è durata più di due corse nel parco con il 99% di umidità. La piccola invece ha lasciato perdere le riviste, e con uno sguardo da triglia affetta da grave timidezza (mai ci fu cosa più falsa) ha chiesto sempre all’ignaro Luca di farglieli “come sua sorella”. Lui ha riso, guardando la zazzera di ricci neri, poi cedendo all’istinto innato del coiffeur le ha proposto con aria seria una bella tinta bionda (non sono del tutto convinta che scherzasse). Lei lo ha guardato stupefatta, come a dire “ma davvero è possibile?”, e poi ha saggiamente declinato l’offerta. Insomma, tutto sommato è andata bene, anche se Luca ha delle caramelle non molto buone, sempre secondo fonte principesca, inteso.
Oggi pomeriggio invece ci attende il dentista, e temo proprio che la principessa grande non potrà più dire “mai avuto carie in vita mia”.
Per concludere, stasera le portiamo in montagna dai nonni per un paio di giorni, ed io sento già gli effetti devastanti della loro mancanza. In questo periodo ci siamo stracoccolate a vicenda, tanto che sono proprio io, la madre che impone le regole, ad essermi abituata a dormire in mezzo a loro (di solito io mi addormento per prima, chiaramente, ed in posizione scomodissima). So che andranno a stare al fresco (non nel senso di prigione, eh) e questo mi rende molto serena, però la separazione fisica dalle mie cucciole mi pesa parecchio. In più temo che dovrò lasciare a loro la mia spazzola preferita, e questo non è solo un guaio, è una tragedia.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in dal vecchio blog e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

11 risposte a Di madre in figlie

  1. ziacris ha detto:

    In momenti così ci si attacca a tutto quello che di più vero e caro abbiamo. Io adesso, in questo periodo, prendo a casa la Tata dal campo solare tutti i giorni alle 13, mi fa compagnia, mi piace andare nel letto con lei leggere le favole e poi ascolatre il suo respiro che si fa sempre più pesante, guardarla mentre dorme, controllando che siaveramente addormentata per alzarmi

  2. camden ha detto:

    Ho riso leggendo delle principesse “al fresco”, non ce le vedrei proprio…:-D
    Invece nel senso di aria, beh…beate loro!!!! Dai che i giorni passeranno presto!

  3. widepeak ha detto:

    anche per me è sempre tosta lasciarle andare, che ne sanno gli altri quanta forza mi danno loro!

  4. fiordicactus ha detto:

    “Abbandonare” le figlie al freso dai nonni, per abituarsi per quando, ormai cresciute, ti diranno: “ciao, mamma, parto per . . .” 😉
    Sai, sono sicura che per un po’ di giorni, se ti fai coccolare dal Principe, non te ne accorgi neanche che non ci sono!;-)

    Io penso che “dovrò lasciare a loro la mia spazzola preferita” è cosa ben più seria . . . di solito, nei trasferimenti, qualcosa si perde, inevitabilmente . . . lo so per esperienza di campi scout, prima mia sorella, adesso il figlio, alla fine, portano a casa un sacco di cianfrusaglierie, ma anche maglioni, magliette, o giacche a vento (e buona parte della roba, resta “smarrita”) 🙂

    Ciao, R

  5. PieroPa ha detto:

    Sì, come mamma avrai avuto il tuo bel da fare con i riccioli lunghi e il amre, ma ora penso che siano ancora più belle. Capisco la tua sensazione per la lontananza, davvero “i cuccioli” sono un dono meraviglioso… che si vorrebbe avere sempre sotto gli occhi (anche quando si è stanchi e loro non lo sono mai, penso…).
    Auguri per il dentista, ma vedrai che si comporteranno bene: come sempre. In fondo sono figlie tue, no?
    Ciao.

  6. AdamsRib ha detto:

    … Ma sono straordinarie queste principesse, spassose e molto sagge!!! Le seguirei volentieri in montagna (dove, a proposito?! Sono curiosa), ma purtroppo dovrò attendere il mese prossimo!
    Un bacione, vedrai che due giorni volano… e poi potresti optare per un fine settimana romantico!!!

  7. cestodiciliegie ha detto:

    A me manca tanto la mia 17enne, partita per gli USA in vacanza studio, ma non posso nemmeno dirglielo, altrimenti non mi chiama per due giorni “per non farmi stare male”. Argggggg, eppure è sangue del mio sangue! Credo che i brevi distacchi siano propedeutici per abituarsi piano piano a fare a meno di loro. Besos

  8. Notforever ha detto:

    in questi giorni non faccio che leggere post come questo, di mamme che lasciano a malincuore i cuccioli con i nonni in vacanza :o)
    su che passa presto :o)

  9. aleike ha detto:

    Credo proprio che abbia ragione Fiordicactus, e’ una prova generale per il futuro: deve essere bruttino assai,eh? Per fortuna le mamme sono brave anche in questo, ad essere generose, anche stando un po’ tristi.:o)

  10. juliaset ha detto:

    @ziacris: capisco…con questo caldo il pisolino dei bimbi è rilassante anche per noi!

    @camden: già, mi sa che in carcere ci sono io…

    @widepeak: questo è solo il primo distacco di una lunga serie di su e giù estivi…ma viene subito dopo un periodo sempre insieme, questa è la tragedia! E poi senza di loro mi lascio andare un po’ di più alle mie paturnie, purtroppo…

    @fiordicactus: eheheh, loro tornano sempre con dei regali…minimo un disegno, ma spesso anche oggetti e/o creature raccapriccianti (ricordo ancora con ribrezzo un minuscolo lucertolino morto, bleah).

    @PieroPa: sono belle, sembrano più grandi…forse è questo ad avermi mandato in crisi. E anche la grande, dal dentista, è stata bravissima, coraggiosissima…caspita, ma allora è vero che crescono in fretta!

    @AdamsRib: vanno qui nel nostro Appennino, a un’oretta di distanza…insomma, non è la Luna, sono io che sono diventata piagnona! Fine settimana romantico? What?

    @cestodiciliegie: 17 anni, non mi ci far pensare…Già le mie in questi ultimi mesi hanno fatto un tale scatto di crescita che sono quasi irriconoscibili.

    @Notforever: sì, la settimana prossima mi lamenterò del fatto che con loro non riesco a fare nulla, e poi quella successiva mi mancheranno, e via così. Mai contenta…

    @aleike: non sono mica tanto generosa, temo.:-))

  11. tittidiruolo ha detto:

    NOOOO, mi viene da piangereeee, anche io voglio figle femmine da portare dal parrucchiereeeee!!Sììì, perchè io nooo???? anch’io voglio!!
    (sempre andati dal barbiere..sigh!)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...